Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

H o m e  Sezione di Follonica Storia Scopi Consiglio Storia di Salvatore Golino Volontariato Benemerite Presidenza Nazionale Eventi e Assemblee  Ricostituzione della Sezione La Giornata del Carabiniere Inaugurazione della Tenenza Donazione all' ONAOMAC  Consegne Tessere Nuovi Soci Premiazione di Soci 2010 - 90° anniversario della morte di Salvatore Golino 2012 - Assemblea Generale dei Soci 2013 - Assemblea Generale dei Soci 2014 - Assemblea Generale dei Soci 2015 - Assemblea Generale dei Soci 2016 - Assemblea Generale dei Soci  2017 - Assemblea Generale dei Soci 2018 - CONVIVIALE 21esimo Corso Allievi Sottufficiali 1969-1971 2018 - Assemblea Generale dei Soci Gite e Raduni 1996 - Raduno di Roma 2002 - Raduno di Pisa 2003 - Raduno di Grosseto 2005 - Raduno di Trento 2006 - Raduno di Bari 2007 - Raduno di Bologna 2008 - Raduno di Latina 2011 - Raduno di Torino 2012 - Raduno di Venezia-Jesolo 2014 - Raduno di ROMA 2015 - Gita EXPO Milano 2017 - Gita a ROMA 2018 - Raduno di VERONA Ricordiamo 2013 - Don Enzo Greco 2013 - Brig. Adelmo VESTRI 2014 - Mar. Gerolamo DEBIDDA Iniziative Benemerite 2011 - 10 anni costituzione Gruppo Benemerite 2012 - Beneficenza Falusi 2013 - Cena di Beneficenza per l' Ass. Il Mandorlo 2017 - Cena di Beneficenza per la CARITAS 2017- Convegno " la figura della donna nll' Arma " Preghiera delle Benemerite 

Storia di Salvatore Golino

Storia del Carabiniere Salvatore Golino Il Carabiniere Salvatore Golino, nato a Palazzolo Acreide (SR) il 9 giugno 1894, aveva combattuto al fronte nella Guerra 1915-18, dove prese parte a molte azioni di guerra e fu per ben due volte ferito.Era un uomo dall’ animo gentile, amante della famiglia e della legalità. Amava l’ Arma , che gli aveva dato l’ opportunità di poter svolgere una funzione diretta a salvaguardare la libertà e la sicurezza dei cittadini.A lui i familiari e gli amici facevano capo per consigli ed ammaestramenti, trattandosi di persona molto seria ed equilibrata. Amava la musica ed in particolar modo la chitarra.Il fatto criminoso che portarono alla morte del Carabiniere Golino, avvenne in un periodo particolare della Storia d’ Italia e di Follonica. Siamo in pieno svolgimento della Settimana Rossa, periodo particolarmente burrascoso della vita civile di Follonica e di gran parte dell’ Italia. La folla, agitata politicamente, si riuniva spesso nella pubblica piazza al grido di "Viva il Soviet", "Viva il socialismo". Il fascino della Rivoluzione Leninista avvenuta in Russia, era forte nelle forze operaie di Follonica.In Follonica, in contemporanea alla occupazione delle Ferriere, si era formata la “Guardia Rossa, che aveva lo scopo di sorvegliare la Fabbrica ed il paese di Follonica, affinchè non si imboscassero indumenti, generi alimentari e materie prime. Il cosiddetto "Soviet" si riuniva presso la Casa dei Socialisti di Via Trieste (attuale edificio dell’ Asilo Infantile delle Suore di Follonica). Il Carabiniere Salvatore Golino, inviato di rinforzo per il controllo del territorio, alla Stazione Carabinieri di Follonica, allora frazione di Massa Marittima, verso le ore 21 del giorno 22 settembre, come tante altre volte, mentre eseguiva insieme al collega GALLI Luigi, un servizio di pattuglia intorno alle mura delle Regie Fonderie, dal cancello secondario della Via Provinciale Follonica-Massa Marittima (attuale Via Roma), venne fatto segno da vari colpi d’ arma da fuoco, provenienti dall’ interno delle mura dello stabilimento stesso. Il carabiniere Golino venne colpito da un proiettile che ferì lo stesso alla coscia sinistra. Fu accertato successivamente che i due carabinieri non risposero al fuoco. Il carabiniere Golino, aiutato dal collega GALLI, venne trasportato al vicino “ Circolo Unione “ ove venne visitato dal Dottor Camici Paolo, il quale visitò il Golino, prestò le cure di primo soccorso e decise di inviarlo all’ Ospedale di Grosseto. Dalle ricerche storiche, eseguite consultando documenti e articoli di stampa di allora, emerge che ci fu una polemica sul soccorso al carabiniere Golino. Sia il primo soccorso che il trasporto in Ospedale avvennero con molto ritardo, si parla di diverse ore. Va comunque ricordato che siamo nel 1920 e che i mezzi di comunicazione e di trasporto non erano quelli di oggi. Il Carabiniere Salvatore GOLINO dopo una settimana di degenza e di agonia, all’età di 26 anni muore all’Ospedale di Grosseto il giorno 30 settembre 1920, per raggiunte complicazioni, forse setticemia.Dagli articoli di stampa di allora, il giorno della sua morte, la gran parte della popolazione, non fanatizzata dalle idee politiche di allora, "si commosse e si addolorò sinceramente, condannando il gesto inconsulto", citazione dei giornali dell' epocaIntanto il corpo del carabiniere Golino venne seppellito nel cimitero monumentale di Sterpeto di Grosseto senza tanto clamore e senza tributargli alcun riconoscimento. Dalle indagini che vennero svolte all’ indomani del ferimento del carabiniere Golino, vennero arrestate tre persone…………..,( i cui nomi omettiamo di citare ). Si parla di due socialisti e di un anarchico, tutti di Follonica, il cui arresto provocò reazioni e strumentalizzazioni sia da parte delle componenti comuniste che da parte di quelle fasciste, quest’ ultime salite nel frattempo al potere. Alcuni articoli di stampa specificarono una ulteriore ipotesi che ad uccidere il carabiniere Golino, fosse stato un giovane anarchico, passato poi nelle file degli squadristi fascisti. I giornali di ispirazione socialista, ritennero che l’ arresto dei tre fosse da considerarsi una reazione al movimento operaio, che in quel periodo, manifestava in modo energico, bloccando le attività industriali con occupazione delle fabbriche.Come si può ben capire il clima che si era creato in quel periodo, attorno a questo episodio criminoso, influenzarono lo svolgimento delle indagini, tanto che alla fine la verità non venne mai a galla e il delitto di cui fu vittima il Carabiniere Golino, rimase impunito e non fu fatta giustizia.Sui giornali di allora, incominciarono a comparire articoli che, oltre a mettere in discussione la conduzione delle indagini, si parlò anche della lentezza dei soccorsi, ritenuti fondamentali per le complicazioni che sopraggiunsero e che portarono alla morte di Golino.Nel marzo del 1921, in pieno regime fascista, sulla facciata del vecchio palazzo comunale, venne apposta una targa che ricordava il sacrificio del Carabiniere Golino, in cui vennero scritte alcune parole di cui non abbiamo un riscontro oggettivo. Alcuni documenti di ricerca, riportano due versioni, circa la frase scritta sulla targa, la prima:“Al Carabiniere Salvatore GOLINObarbaramente assassinato da ubriachidella follia bolscevica “ la seconda:“Al Carabiniere Salvatore GOLINObarbaramente ucciso da orde bolsceviche”La parola bolscevica ricorre comunque in entrambe le versioni.Negli anni ‘60 l’ edificio di Via Roma, sede del vecchio Comune, venne restaurato e riadattato a sede dell’Istituto Tecnico Commerciale e durante i lavori di rifacimento della facciata, la lapide venne rimossa e terminati i lavori, non fu più rimessa al suo posto. Molti cittadini si domandavano dove fosse andata a finire la targa di Golino e dai numerosi articoli di stampa sull’argomento, si parlava della scomparsa della “targa del carabiniere”. Sta di fatto che la targa di Golino non fu più rimessa al suo posto, perché asseritamente smarrita durante i lavori di ristrutturazione. Questo fatto contribuì a cancellare fino ai giorni nostri, la memoria storica dell’accaduto, fino a quando nel 1994 venne ritrovata, in modo alquanto fortuito, la stele funeraria in marmo, che era stata apposta sulla tomba del Carabiniere Golino. A ritrovarla fu proprio un sottufficiale in congedo dell’ Ass. Naz. Carabinieri di Grosseto, che si accorse della presenza di questa pietra, abbandonata in un locale del Cimitero Sterpeto di Grosseto, perché incuriosito dalle parole incise su quella pietra di marmo :E’ l’ ARMA della Fedeltà immobile e dell’ abnegazione silenziosaG. d’ AnnunzioA Salvatore GolinoCarabiniere Reale della Stazione di Follonicacaduto nel compimento del proprio dovere il 22 settembre 1920Gli Ufficiali i Sottufficiali ed i Carabinieridella Divisione di Grosseto con fervido senso di ammirazione e di cameratismoGiugno 1922In pochi oramai a Follonica ricordavano la storia del carabiniere Golino, chi fosse e come fosse morto. La Sezione di Follonica dell’ Associazione Nazionale Carabinieri, ricostituitasi proprio nel 1994, a cui i colleghi della Sezione di Grosseto, avevano consegnato la lapide ritrovata, approfondì le ricerche iniziate dalla Sezione di Grosseto e decise di riportare alla memoria, oltre il sacrificio del Carabiniere Golino quanto riscrivere quella pagina dimenticata di storia della città di Follonica.Fu deciso di organizzare un' apposita cerimonia commemorativa e fu scelto la data del 30 settembre 1995, in cui ricorreva il 75esimo anniversario dalla morte del Carabiniere Golino.La Sezione di Follonica dell' A.N.C. di Follonica, in collaborazione e con il patrocinio del Comune Follonica nonchè con il sostegno dei Comandi dell' ARMA locale e provinciale, organizzò la manifestazione pubblica, proprio il giorno 30 settembre 1995, che fu chiamata proprio “ La GIORNATA del CARABINIERI ”.In quella giornatain venne scoperta la stele funeraria rinvenuta presso il Cimitero di Grosseto, che era stata posizionata al posto di quella scomparsa e fu intitolata una delle strade più importanti di Follonica, l' attuale VIA GOLINO. Nel corso della cerimoina religiosa officiata dal Vescovo di Massa Marittima, sul sagrato della Chiesa di San Leopoldo, venne benedetta la nuova bandiera della Sezione e sulla quale fu apposta la fascia con la dedica <<< Associazione Nazionale Carabinieri - Sezione Carabiniere Salvatore Golino Follonica. Alla manifestazione erano presenti, i familiari del Carabiniere Salvatore Golino, venuti da Siracusa, i gonfaloni con i Sindaci delle città di Grosseto, Follonica, Massa Marittima, Gavorrano, Scarlino, le delegazioni delle Sezioni dell' Associazione Nazionale Carabinieri delle provincie di Livorno, Siena e Grosseto, le Associazioni d' Arma e di Volontariato di Follonica e tantissimi cittadini. La Giornata del Carabiniere terminò con un Concerto della Fanfara dei Carabinieri di Roma, che si esibì sul sagrato della Chiesa di San Leopoldo.Pochi giorni dopo la manifestazione “ La Giornata del Carabiniere” , durante la notte tra il 3 ed il 4 novembre del 1995, la targa di Golino ed il Monumento ai Caduti di Piazza Vittorio Veneto, furono imbrattati con della vernice verde, ad opera di sconosciuti.La targa fu nuovamente ripulita e dopo qualche mese fu nuovamente imbrattata di vernice, con la stessa tecnica. Data la particolare fragilità del marmo di cui era formata la lapide di Golino, venne deciso di sostituirla con una riproduzione in ghisa e la targa originale fu posizionata all’ interno della Sede della Sezione di Follonica dell’ Ass. Naz. Carabinieri, dove attualmente è custodita.Questa ricostruzione storica è stata curata dal Brig. Arcangelo Raffaele Russo, Presidente della Sezione di Follonica dell’ Associazione Nazionale Carabinieri, grazie alla disponibilità di documenti storici e ricerche di articoli di stampa dell' epoca forniti:- dal Sig. Emilio Cellini, cultore della storia di Follonica- dai Presidenti delle Sezioni di Grosseto e di Siracusa dell’ Ass. Naz. Carabinieriche si ringraziano per il loro importante contributo.

ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI Sezione - Carabiniere Salvatore Golino - Follonica